REGATA STORICA


L’origine della tradizione delle prime regate veneziane non è riconducibile ad un preciso avvenimento o motivo. Alcuni affermano che le prime regate venissero svolte con imbarcazioni piuttosto grosse, condotte da dieci a cinquanta rematori e che si organizzassero per esercitare i giovani all’arte del remo con lo scopo di tornare poi utili alle milizie venete. Altri scrivono che il Governo della Serenissima aveva disposto che in riva a S.Marco si trovassero sempre pronte alcune imbarcazioni da trenta a quaranta remi, schierate in riga, per traghettare chi fosse impossibilitato a farlo e i giovani rematori, che avevano ricevuto questo compito, erano in competizione fra loro e spesso facevano delle rigate o regate. Altri ancora raccontano che l’origine delle regate debba risalire alle gare che gli ortolani delle isole dell’estuario lagunare facevano all’alba con loro le barche per portare i prodotti agricoli al mercato della città.
La tesi più accreditata è però quella che lega la regata alla solennità della festa che si svolgeva tra il 31 gennaio e il 2 febbraio, nella quale si celebrava la Purificazione della Madonna. Il 31 gennaio nella Basilica di
S.Pietro di Castello, allora cattedrale e sede vescovile di Venezia, si celebrava con grande sfarzo la festa delle Marie. Sempre in quel giorno ricorreva anche l’anniversario della traslazione del corpo dell’evangelista S.Marco. Durante la festa delle Marie si celebravano le nozze di varie coppie di sposi che, in povertà di mezzi, ricevevano alcuni doni e il corredo dal Doge, dalla Signoria e dalle famiglie del patriziato, mentre il matrimonio era a carico della Serenissima.
Copyright ©Antonio De Vecchi - hosted by BP2 srl